Cloud Native Apps

L’approccio vincente

Quando si ha l’esigenza di una nuova applicazione utile al processo di digitalizzazione dell’azienda, si prendono in esame diverse soluzioni in base a criteri sia di business che tecnici.

Le nuove tendenze vedono le cloud native apps come la migliore delle soluzioni. Ma perchè? Vediamo insieme quali sono i vantaggi oggettivi per i quali l’utilizzo di infrastrutture basate sui microservizi si rivela un approccio vincente. 

 


Il Cloud come abilitatore tecnologico

“Cloud is the new web”.
E' il posto dove bisogna essere se si vuole stare al passo con la digital transformation.
L’utilizzo del Cloud apre le porte dell’innovazione tecnologica ad aziende grandi e piccole che, grazie ad una infrastruttura già pronta con servizi sempre disponibili, possono testare e poi sviluppare sistemi all’avanguardia. Un progetto innovativo è per definizione ad alto rischio; se sono necessari budget importanti per avviarlo rischia di non partire nemmeno ed è proprio in questo che il cloud è abilitatore di innovazione, perchè permette di “provare” a basso costo.
 

Risorse illimitate

Scegliere un’infrastruttura a microservizi cloud-based dà accesso a risorse di calcolo, di spazio storage, di servizi pressochè infinite.
 

Tempi ridotti

I tempi di costruzione di una casa prefabbricata sono significativamente più ridotti di un edificio che deve partire da zero. Allo stesso modo una soluzione tecnologica basata su microservizi, permette di partire da “blocchi” di software già pronto per ottimizzare tempi e costi. 


Rischio azzerato

Per attività di sperimentazione e creazione di POC, le app cloud-native sono la soluzione ideale. Consentono infatti di avviare il processo senza assumersi i rischi e i costi tipici di un progetto. E’ permesso sbagliare ed aggiustare il tiro. E non è cosa da poco.. 


Costi Pay per Use

Con le app cloud native viene ribaltato il vecchio paradigma: attenta software selection, acquisto di un pacchetto software che risponde alle esigenze di business, sviluppo della applicazione. Con costi elevati e tempi che si misurano nell’ordine dei mesi. Con un approccio pay-per-use i costi sono basati sul reale utilizzo dei servizi; l’elevato grado di scalabilità della soluzione consente di risparmiare in termini di costi e tempi anche nelle fasi di sviluppo del progetto. I singoli moduli (microservizi) sono infatti sostituibili in ogni momento e scalabili singolarmente, in modo da non dover intervenire sull’intera piattaforma.