hero

Ariadne Interface Merger

8 dic 2003

Tra le problematiche più sentite nella Web Enterprise Application Integration e nella costruzione di portali, oltre a quella della soluzione che permetta il "Single Sign On" agli utenti, vi è quella della necessità di rendere quanto più omogenee ed usabili le interfacce degli applicativi pre-esistenti (legacy); i sistemi legacy, proprio in quanto tali, sono sviluppati secondo regole di usabilità e grafica proprie, il più delle volte disomogenee tra loro, comunque differenti da quelle studiate per il portale. A questo si aggiunga la tendenza sempre più ricorrente di arricchire i portali di altri servizi applicativi, talvolta erogati in modalità ASP da un provider, sulla cui interfaccia non è certo possibile intervenire. Si pensi ad un servizio di meteo, ad una rassegna stampa, ad un servizio di news, ecc. Proprio al fine di indirizzare e risolvere questa tematica in modo puntuale, Ariadne ha deciso di introdurre sul mercato un modulo applicativo specifico, l'Interface Merger, già sviluppato come componente del middleware ATP - Ariadne Trasparent Portal. - dandogli però una vita propria. Lo scopo è di garantire l'accesso al servizio di questa componente applicativa da parte delle Imprese, indipendentemente dalla architettura di riferimento usata per l'integrazione degli applicativi o, addirittura, in assenza di uno strumento di portal server.

Ariadne Interface Merger (AIM) è un modulo che permette di creare una catena di filtri, associandola ad una sorgente HTML per ottenerne una descrizione semantica in formato XML e per trasformarla secondo le esigenze. AIM presenta all'utente un'interfaccia con le medesime funzionalità dell'applicativo originale, modificata dal punto di vista della usabilità e dell'immagine affinché risulti coordinata a quella del portale di destinazione. AIM attua in sostanza un insieme di trasformazioni XSL on-the-fly, senza memorizzare il contenuto delle pagine ma solo modificandone l'aspetto.

L'Interface Merger di Ariadne può funzionare sotto qualsiasi application server e portal server conforme allo standard J2EE.

AIM permette di applicare le trasformazioni alla sorgente applicativa indipendentemente dal linguaggio di programmazione con il quale è stata realizzata. AIM potenzia le funzionalità di webclipping presenti nei portal server: esso infatti non si limita ad una semplice "cattura" della interfaccia dell'applicativo di origine ma la elabora, riproponendola nelle modalità richieste dal portale.

Le nostre certificazioni